GLOSSARIO FISCALE

A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z

Click su una delle lettere dell’alfabeto per vedere i contenuti.

TERMINI DI UTILIZZO DEL GLOSSARIO FISCALE

Le informazioni contenute nel glossario fiscale di questo sito sono state raccolte, confrontate, verificate ed elaborate ma il proprietario del sito web non può escludere in modo assoluto eventuali inesattezze e mancati aggiornamenti. A tale proposito si consiglia, preliminarmente alla visione del presente glossario fiscale, di approfondire quanto contenuto nelle avvertenze di utilizzo e note legali, nella liberatoria, nella propiertà e copyright ad esso riferiti.

T


TASSA
È il corrispettivo che un privato deve ad un ente pubblico per la fornitura di un bene o di un servizio (ad esempio le T. scolastiche). Generalmente si distinguono tre categorie: T. amministrative, che sono dovute per ottenere autorizzazioni, certificazioni o l’emanazione di atti; T. industriali, che sono dovute come corrispettivo per l’esercizio di attività di impresa per ragioni di interesse sociale; T. giudiziarie, che sono i tributi dovuti dai privati sia per i giudizi civili, sia per i provvedimenti di volontaria giurisdizione.
La tassa si distingue dall’imposta, che rappresenta un prelievo privo di corrispettivo, rivolto a finanziare esigenze pubbliche di carattere generale.


TASSAZIONE SEPARATA
Tipo di imposizione applicabile a determinati redditi, di solito caratterizzati dal fatto che si formano nel corso di più anni. I redditi soggetti a tale regime (ad esempio, le somme conseguite nei casi di recesso, esclusione o liquidazione di società, le indennità di fine lavoro o per la cessazione dei rapporti di agenzia, ecc.), sono assoggettati, anziché alle normali aliquote Irpef, ad un’aliquota media determinata, generalmente, sulla base dei redditi percepiti nel biennio antecedente all’anno in cui è sorto il diritto alla loro percezione o all’anno in cui sono percepiti. Voci collegate: Indennità di fine rapporto.


TASSE AUTOMOBILISTICHE
Colpiscono il possesso dei veicoli iscritti nei pubblici registri automobilistici, in base alla potenza effettiva del veicolo, espressa in kilowatt, desumibile dal libretto di circolazione. La potenza va moltiplicata per un coefficiente, fissato normalmente in euro 2,58, che pụ essere aumentato dalle regioni. Per taluni automezzi l’imposta varia in funzione della portata. Le tasse automobilistiche vanno pagate nel corso del mese successivo alla scadenza del periodo, presso uffici postali, tabaccherie abilitate, delegazioni Aci.


TASSE SULLE CONCESSIONI GOVERNATIVE
Colpiscono i provvedimenti amministrativi emessi da uffici statali o regionali. Il termine “concessione” va inteso in senso lato perché il tributo riguarda in realtà una vasta serie di atti amministrativi che producono una situazione di vantaggio per il contribuente.
Sono riscosse mediante versamento in c/c postale intestato all’ufficio delle entrate competente o con apposite marche.


TASSE SULLE RADIODIFFUSIONI
Canone annuo dovuto per il semplice possesso di un apparecchio TV, che deve essere corrisposto all’ente radiotelevisivo. Il pagamento va effettuato nelle tabaccherie abilitate o alla posta, mediante appositi bollettini di conto corrente intestati alla RAI Radiotelevisione italiana.


TASSO LEGALE
È il tasso d’interesse da applicare nella maggior parte dei rapporti giuridici (depositi cauzionali sugli affitti, rimborsi fiscali, versamento imposte da ravvedimento, controversie in materia civile e commerciale). Dal 1° gennaio 2002 il saggio di interesse legale è pari al 3%.


TERMINE DI ACCERTAMENTO DELLE IMPOSTE
Data entro cui l’ufficio deve provvedere alla notifica dell’avviso di accertamento, sotto pena di decadenza. Tale T. è fissato entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione. Nei casi di omessa presentazione della dichiarazione o di presentazione di dichiarazione nulla l’avviso di accertamento pụ essere notificato fino al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuto essere presentata.


TITOLO ONEROSO (ATTO A)
Atto che comporta una spesa o un corrispettivo. Per esempio, le compravendite (contrapposte alle donazioni, che sono atti “a titolo gratuito”).


TRASCRIZIONE
Annotazione nei registri immobiliari – esistenti presso gli uffici del territorio – dei trasferimenti, acquisti e modifiche di diritti di proprietà e reali di godimento su beni immobili e mobili registrati.
E’ in corso di generalizzazione in tutto il territorio la possibilità per i notai di provvedere telematicamente alla formalità della trascrizione/registrazione.


TRASMISSIONE TELEMATICA DELLE DICHIARAZIONI
Presentazione delle dichiarazioni fiscali mediante trasmissione via rete di un file appositamente predisposto.
Pụ essere effettuata sia direttamente dal contribuente che mediante un intermediario abilitato (ad esempio, commercialisti, ragionieri, consulenti del lavoro, Caf, ecc.) ed è obbligatoria per la gran parte dei soggetti esercenti un’attività.


TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO
(V. Indennità di fine rapporto)


TRIBUTI LOCALI
Insieme delle entrate tributarie degli enti pubblici territoriali (Regioni, Province, Comuni). Nel regime attuale:

– alle Regioni è attribuito il gettito dell’Irap nonché di un’addizionale Irpef;
– alle Province è in gran parte attribuita l’imposizione sugli autoveicoli (imposta provinciale di trascrizione, gettito dell’imposta sulla responsabilità civile auto);
– per i Comuni il gettito tributario è assicurato, principalmente, dall’imposizione sugli immobili(Ici) e dall’addizionale Irpef.


TRIBUTO
Indica genericamente un qualunque prelievo riscosso in forma coattiva (tasse, imposte, canone Rai, ecc.)


TUIR (TESTO UNICO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI)
E’ il testo fondamentale contenente le norme per la determinazione e la tassazione dei redditi. Pụò essere consultato anche via Internet, collegandosi con il sito www.agenziaentrate.it.


TUTORAGGIO
Servizio di assistenza tributaria fornito, su richiesta, da un ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate ai contribuenti ammessi a fruire di uno dei regimi agevolati. L’assistenza, gratuita, è fornita attraverso collegamenti telematici e posta elettronica.
A questi fini viene individuato, nell’ambito dell’ufficio, un funzionario responsabile della specifica assistenza (denominato “tutor”), il quale segue la situazione del contribuente “tutorato“ sulla base dei dati da questi periodicamente trasmessi in via telematica. In particolare, il tutor controlla la tempestività delle trasmissioni e l’eventuale superamento dei limiti previsti dal regime agevolato e assiste il contribuente nelle seguenti attività:

– predisposizione dei modelli F24 per il versamento delle imposte dovute;
– elaborazione dei dati contabili trasmessi dal contribuente;
– liquidazione delle imposte;
– predisposizione del modello per il rimborso dell’Iva se dovuto;
– predisposizione dei quadri della dichiarazione unificata relativi all’attività esercitata dal contribuente.

Chiunque intende avvalersi della procedura di assistenza telematica deve in primo luogo richiedere il codice pin (qualora non ne sia già in possesso), compilando l’apposito modello disponibile sul sito internet www.fisconline.agenziaentrate.it. La prima parte del codice è comunicata online, mentre la seconda parte e la password di accesso sono inviate tramite posta al domicilio del richiedente.

Scroll Up